Crea nuovo account
il punto di riferimento per le armi ad aria compressa dal gennaio 2004
PORTALE AC.ORG
· Home
· Premessa fondamentale
· Regolamento
· Netiquette
 
ARCHIVI DINAMICI
· Archivio argomenti
· Archivio articoli
 
DOCUMENTI
· Contenuti aggiuntivi
· Sondaggi
 
UTILITÀ
· Downloads
· Web Links
 
MENÙ PERSONALE
· Home
· Account personale
· Gruppi di discussione
· Messaggi privati
 
SONDAGGIO
Di solito dove conservi le tue armi?

In apposito locale blindato e chiuso
In apposito armadio blindato e chiuso
In armadio generico o ripostiglio chiuso
In armadio generico o ripostiglio aperto
Sopra un armadio
Sotto il letto
In posto nascosto al partner e/o ai figli
In vista nella mia abitazione
In vista nella mia abitazione, ma disattivate
Nella mia abitazione, dove capita o dove ho spazio
In luogo diverso dalla mia abitazione
Altro (specificare con un commento)



Risultati
Sondaggi

Voti: 2641
Commenti: 0
 
USER INFO
Benvenuto, Anonymous
Iscrizioni:
Ultime: AugustMei
Oggi: 2
Ieri: 1
Complessive: 20050

Utenti Online:
Visitatori: 188
Iscritti: 0
Totale: 188
 
COSTRUIAMO IL COMPRESSORE
Accessori

ALCUNI ESEMPI DI REALIZZAZIONE DI UN ATTREZZO SEMPLICE MA INDISPENSABILE


Introduzione
Siete i felici proprietari di una carabina ad aria compressa a molla ("springer" per gli anglofili), e vi ritrovate in una delle seguenti condizioni:

· pensate che sia giusto lubrificarla ogni tanto (ed avete ragione),
· avete difficoltà nell’armamento (e non avete giocato con le viti vicine al grilletto),
· si è rotta la molla,
· la molla è stanca di fare sempre su e giù,
· nonostante abbiate scaricato l’esploso della vostra carabina, volete proprio vedere come è fatto dentro,

avete la necessità assoluta di smontarla. Ora, se non volete farvi male, delle due l’una: vi rivolgete al vostro armiere (sperando che abbia il tempo, la voglia e le abilità necessarie), oppure all’armaiolo di fiducia; in caso contrario continuate a leggere questo articolo e vi costruite un compressore.

Per la prima ipotesi, attenti a ciò che ho riportato tra parentesi, di operatori del settore ce ne sono tanti che non hanno mai smontato una "springer"! E se ve la graffiano, o la danneggiano? E’ il nostro tesoruccio e quindi deve essere trattato con riguardo. C’è quindi il "fai da te", niente paura, è alla portata di chiunque voglia cimentarsi. Certo potete sempre spedire il fucile in ditta e aspettare un paio di mesi, la scelta è sempre e solo vostra.

Adesso è giunto il momento di spiegare che cos’è il compressore e perché è necessario utilizzarlo quando si procede alla revisione di un fucile a molla. Semplificando il tutto, la molla in queste armi ha la funzione, non appena premuto il grilletto, di spingere velocemente il pistone all’interno di un cilindro al fine di comprimere l’aria in esso contenuta, che a sua volta spingerà il pallino lungo la canna fino alla fuoriuscita dalla volata. Per poter assolvere al meglio questa funzione, la molla è di solito inserita precompressa all’interno del pistone. Questa compressione iniziale della molla è il motivo che rende necessario il compressore quando si smonta e si rimonta il tutto. In assenza si rischia di farsi veramente male perché, una volta smontato il fondello del cilindro, la molla partirebbe a una velocità e con una forza inimmaginabile. Il compressore è quindi un dispositivo che, esercitando una pressione sul tappo posteriore del cilindro (o gruppo che tiene in tensione la molla), consente di svitarlo pian piano (o sfilarlo a seconda dei casi), fin quando la molla non è più in tensione, consentendone la successiva estrazione a mano e in tutta sicurezza.
In pratica, il compressore funziona così: dopo aver fermato l’azione, basta avvitare la barra filettata (onnipresente) finché la sua estremità non poggi con sicurezza contro la parte posteriore del cilindro. E’ preferibile che questa parte terminale della barra filettata sia rivestita in legno o gomma, e comunque sagomata per poggiare con sicurezza sul tappo, senza comprimere parti sporgenti eventualmente presenti. Poi si avvita ancora un poco, giusto per contrastare la pressione della molla e poter togliere eventuali elementi che bloccano la fuoriuscita della parte posteriore del cilindro (spine o altro). A questo punto si potrà, svitando la barra pian piano, sfilare il gruppo molla pistone (oppure svitarlo a seconda dei modelli), fin quando, come detto in precedenza, la molla non forzerà più contro il compressore.

Come costruirlo? E il progetto chi ce lo dà?
Grazie a Chip Gibbs, Roland Martens, il Kermit Airgun Club con Robert Fisher e Charlie DaTuna, tutti appassionati di aria compressa che hanno gentilmente concesso l'autorizzazione, riporto di seguito i loro articoli (da me tradotti) sulla realizzazione di un compressore. Di modelli in circolazione ce ne sono molti, differenti come progetto ma pressoché simili nelle prestazioni, e tutti, con le opportune cautele, possono assolvere tranquillamente alla bisogna. Il costo? Solo pochi euro di investimento, ma con qualche differenza: certamente ci sarà tra noi chi lo vorrà in acciaio inox, magari rivestito di velluto, chi lo vorrà in quercia, chi vorrà il modello pieghevole, a piacer vostro signori, tenuto conto che si tratta di un attrezzo economico ma indispensabile, di quelli da conservare gelosamente.
Per la costruzione, non spaventatevi: come vedrete nelle pagine che seguono, vale più una foto di cento parole. Il mio unico consiglio è quello di dotare il vostro compressore di un elemento che tenga fermo il cilindro sia durante  l’operazione di estrazione, sia quando reinserite il tutto: non tutti i progetti lo prevedono ed è utilissimo!

Alcune considerazioni sul compressore (Chip Gibbs)
Parecchi anni fa (25) ebbi da un amico un FWB124 sport. Come prima cosa, dovetti rifinire il calcio. Era caduto sul selciato e non sopportavo di vedere i graffi. Naturalmente quando smontai il calcio dall’azione, non seppi trattenermi dal dare una occhiata all’interno dell’arma. Non mi resi conto che la molla era lunga quasi quanto l’intero fucile. Dovetti davvero scervellarmi per riuscire a capire come reinserirla di nuovo. Alcuni anni dopo, nata Internet, rinnovai la conoscenza con il mio vecchio FWB, con Jim Maccari ed il problema della messa a punto delle springer.

Questo è il mio modello di compressore



Come potete vedere dalla foto, è un dispositivo piuttosto semplice, ne ho visti alcuni che lo sono ancor di più, ma … attenzione, quanto più lo semplificate, tanto maggiori sono le probabilità che una grossa molla abbia l’opportunità di cavarvi un occhio. Questo attrezzo, costruito specificatamente per il FWB ha una serie di dispositivi di sicurezza che non ho ritrovato su altri modelli. C’è un morsetto per bloccare il cilindro, e la canna passa attraverso il blocchetto d’arresto. Queste due soluzioni evitano che la molla si inarchi e fuoriesca dall’attrezzo. Per comprimere la molla ho usato un morsetto da falegname tagliato a metà (l’idea non è mia), fissato ad una tavoletta di pino da 2.5 cm, sebbene la quercia sia molto più bella da vedersi. Tutti i pezzi possono essere ritagliati da una stessa tavola di quello spessore. A me – è solo un caso – è capitato di avere a disposizione dei pezzi di risulta. Ho realizzato anche un terminale in legno fermato ad una guida, da poggiare all’estremità della barra filettata per proteggere dai graffi la parte posteriore dell’azione del fucile. Infine il blocchetto di arresto può essere fissato sulla tavoletta in varie posizioni, in modo da adattarsi ad azioni con misure differenti. Non ci sono misure particolari per costruire questo compressore, né progetti o disegni specifici per la vostra arma, pensateci su un attimo, prendete alcune misure, e sarete in grado di assemblarne uno in breve tempo.

Un compressore semplice ed efficace (Roland Martens)
Qualche pezzo, pochi attrezzi, un lavoro facile (il compressore, un "must"). Dedicate un po' del vostro tempo a ripulire tutte le componenti del vostro fucile e a ingrassarle, nonché lubrificarle con il Moly. Se non siete esperti, non smontate il gruppo di scatto, fate solo attenzione durante il riassemblaggio alla posizione della sicura.



Questo compressore, di facile realizzazione, rende molto facile e sicura la sostituzione della molla in ogni fucile della RWS ad armamento laterale.





Infine, qui potete osservare meglio la parte posteriore del compressore ed il blocchetto di legno che preme sulla copertura in plastica della parte posteriore dell’azione dell’M54.

Il compressore di Charlie (Charlie Da Tuna)

Eccolo in tutte le sue componenti. E’ probabile che vi siano più foto e informazioni del necessario, ma possono servire a schiarirvi le idee.

A = Basamento I = Bulloni da 13cm
B = Blocchetto anteriore J = Prigionieri
C = Cavità per estremità ant. cilindro K = dado del perno di compressione
D = Supporto centrale L = staffette supplementari di rinforzo
E = Paracolpi in nylon M = Foro del blocchetto centrale
F = Blocchetto scorrevole N = Fori per il fissaggio del supporto centrale
G = Blocchetto posteriore O = Varie posizioni del supporto centrale
H = Perno di compressione
(N.d.T.: le misure originali sono in pollici, quelle riportate sono approssimazioni in centimetri)



Il basamento (A) è di 15x60x2cm. Il blocchetto anteriore (B) è di 9x9x9cm sebbene potrebbe non essere così spesso. Sarebbero bastati 5cm di spessore. Il blocchetto posteriore (G) è di 9x9x5cm. Il supporto centrale (D) è di 9x9x3cm. Riguardo al blocchetto scorrevole (F), se lo dovessi costruire di nuovo, lo farei di 9x9x5cm, in questo modo poggerebbe direttamente sul basamento. (badate bene che le staffette supplementari di rinforzo (L) sono nella parte inferiore dei blocchetti). Il paracolpi di nylon è di 2.5x1cm. Nella foto non si vede, ma ce n’è un altro tagliato a metà da infilare nella cavità del tappo posteriore dell’azione. Per il paracolpi di nylon ho praticato un foro di 2.5cm nel blocchetto scorrevole, profondo 0.5 cm, ed ho utilizzato una vite per fissarlo. Affinché la vite non sprofondasse nel nylon, ho dovuto creare una fresatura ed inserire una rondella tra vite e paracolpi.



Il perno di compressione è una barra filettata di 12-13 mm di diametro ed ha una lunghezza di 20 cm, può anche essere più lunga, a seconda della lunghezza del basamento e/o la dimensione dei blocchetti (è importante tenerlo presente, altrimenti si rischia che non abbia una corsa sufficiente). Ho fatto un foro nel blocchetto posteriore, appena più piccolo del dado della barra filettata, poi vi ho forzato dentro il dado stesso (K). Questo è il meccanismo di spinta del blocchetto scorrevole.



I bulloni di fissaggio per i blocchetti sono da 13 cm, mentre la parte filettata ed i dadi sono da 6-7 mm di diametro.
I 4 prigionieri utilizzati per il supporto centrale (due per fissare il collare superiore al supporto e 2 per fissare il supporto stesso) sono da 6-7 mm di diametro, da un lato hanno il filetto come viti per legno, dall’altro hanno una normale filettatura per dado. Non ne ricordo la lunghezza. Ho forato il basamento in modo da poter fissare il supporto centrale in tre posizioni differenti. Non ne ho mai visti con supporto centrale, ma per amor di sicurezza ne ho previsto uno. Il foro che ho praticato nel blocchetto anteriore, per creare la cavità destinata ad accogliere l’altra estremità del cilindro, è profondo circa 2cm. Ho rivestito il foro ed il fondo dello stesso, utilizzando del materiale tagliato da una sottile bottiglia di plastica. Si evita così di danneggiare la finitura.



Sul supporto centrale, ho prima praticato un foro di 3cm di diametro, poi ho tagliato il blocco a metà. Ho quindi avvitato i prigionieri e l’ho rimontato. I fori sul basamento, per bloccarlo, sono stati praticati a circa 7.5cm dalla linea mediana. Penso possiate vedere la linea guida per il foro segnata sul basamento. Io l’ho fissato alla serie di fori centrale. Voi probabilmente non avrete bisogno di spostarlo.



Le staffette supplementari di rinforzo (L) sono lunghe 7.5cm. Ho creato una sede per ospitarle nella parte inferiore dei blocchetti, per non impedire lo scivolamento del blocchetto scorrevole. Quando ho praticato i fori per: la cavità destinata ad accogliere l’estremità anteriore del cilindro, il supporto centrale, il paracolpi sul blocchetto scorrevole e il perno di compressione, ho cercato di fare in modo che fossero ben allineati. Non devono essere perfetti, ma…..quasi. Ho dimenticato di precisare che nella parte posteriore del blocchetto scorrevole, vi è il foro guida per il perno di compressione. E’ un foro di 1.5cm di diametro per 1.5 cm di profondità. Ho inserito nel foro una rondella per evitare che il perno rovinasse il blocchetto.



Tutto quanto sopra potrà darvi un’idea di quello che ho fatto: l’ho costruito di getto, quando ho iniziato non sapevo dove sarei andato a parare. L’ho fabbricato a partire da scarti di vario tipo che avevo a disposizione e probabilmente non ci ho speso più di 5 dollari, ma assolve al suo compito, e bene anche! Ho tanta voglia di fare e possiedo gli attrezzi necessari, mi piace pasticciare e costruire cose. Qualche volta però mi ritrovo nei guai. Se costruite qualcosa, fatemi sapere che state facendo. Dopo tutto due teste sono meglio di una.

Modifiche:
Il compressore di cui abbiamo parlato è stato costruito per il Gamo ed il B-19. Le modifiche che seguono lo rendono adatto al “Fast Deer” ed al B-4-2 così come a molte altre “springer”. Le misure sono tutte approssimative. Naturalmente le potete adeguare alle vostre necessità.



In riferimento al blocchetto anteriore (B1) create un vano di circa 2.2cm di larghezza e di 3cm di profondità.



In riferimento alla metà inferiore del supporto centrale (D1) intagliate una sede larga 2 cm e profonda 1.2cm.
In riferimento alla metà superiore del supporto centrale, intagliate una sede larga 1.2 cm e profonda 6-7mm.

Costruirsi in casa il compressore (Kermit Airgun Club)

Avevo a disposizione un buona tavola di legno di sezione 5x12cm con cui iniziare. L’ho tagliata, ne ho squadrate le estremità ed ho verificato se fosse diritta.

  

Ho posizionato un blocchetto di legno di sezione 10x10cm ad una estremità, per bloccare la canna, e l’ho fissato dalla parte posteriore con delle viti a legno da 6cm.

  

Ho fissato inoltre due tavolette di sezione 5x10cm con la funzione di appoggio per l’azione.

  

Seguendo il consiglio di Eddie, ho utilizzato un morsetto a “C” da 10cm (di quelli da falegname), ne ho tagliato una estremità, e vi ho praticato due fori per poterlo poi fissare con delle grosse viti per legno a testa esagonale (quelle che si utilizzano con i tasselli Fischer). Qui ho fissato con delle viti quattro blocchetti, su entrambi i lati dell’azione, con funzione di supporto. Ho lasciato dello spazio per poter inserire dei cunei al fine di tener serrati cilindri di differente diametro. Qui si può vedere la staffa ad “U” che ho utilizzato e i due bulloni da 10cm che mi son serviti per fissare il morsetto.

Ho appena montato il morsetto con le grosse viti a testa esagonale. I fori nella tavoletta da 5x10cm su cui è montato sono più larghi del dovuto in modo, all’occorrenza, da poterlo spostare facilmente

  

Un’altra vista del morsetto. Per allinearlo al guidamolla del fucile, ho sollevato il morsetto frapponendo fra questo e la tavoletta alcune rondelle.

  

Qui invece potete vedere la staffa ad “U” già fissata. Si possono notare le fresature che ho praticato per non far sporgere troppo i dadi della staffa ad “U”. Se vi serve il foglietto illustrativo con le misure, potete trovarlo qui.
Vorrei ringraziare tutti quelli che hanno pubblicato le foto dei loro compressori sul forum e sui loro siti, perché grazie a loro sono riuscito a farmi un’idea di che diamine stavo combinando. Un grazie speciale a Eddie per i suoi consigli ed il suo aiuto. Il mio compressore lavora alla grande, e dovreste essere in grado di utilizzarlo ugualmente su altri modelli di fucile. Spero che almeno una parte di queste informazioni vi tornino utili nel caso decideste di costruirvene uno da soli. Poiché già avevo il legno ed il morsetto, il tutto mi è venuto a costare solo 2.50 dollari, per la bulloneria, la staffa ad “U” e le rondelle.

Link correlati
http://www.geocities.com/echochap/airgun_hunter.html
http://www.eddiecolwell.tzo.com/RWS-54.htm
http://www.kermitairgunclub.com/projects/charlie/
http://www.kermitairgunclub.com/airguntips/compressor/
http://www.kcugonline.com/kac/

© giuseppe stama - aria.compressa.org - 04/2004

Postato il Monday, 05 April @ 06:18:50 CEST di gsb
 
Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!
 
Links Correlati
· Inoltre Accessori
· News by cmladm


Articolo più letto relativo a Accessori:
COSTRUZIONE DI UN BERSAGLIO ABBATTIBILE PER ARMI AD ARIA COMPRESSA

 
Article Rating
Average Score: 4.60
Voti: 53


Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 
Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 

Re: COSTRUIAMO IL COMPRESSORE (Voto: 1)
di tave il Tuesday, 27 September @ 20:59:00 CEST
(Info Utente | Invia un Messaggio)
non so come ringraziarti... hai fatto davvero un lavoro completo (apprezzo moltissimo la bibliografia di siti in fondo all'articolo) e dettagliato.
Ti dovremmo pagare! ;-)
grazie

tave


:: Tema adattato e rivisto da Francesco Corucci :: Ottimizzato per aria.compressa.org da NovArs - Milano - Italia ::

Per iscriversi al Portale, cioè al Sito e al Forum oppure a una sua qualsiasi sezione, è necessario accettarne incondizionatamente il Regolamento.
La registrazione al Portale o a una sua qualsiasi sezione da parte del richiedente Utente dimostra la sua piena e incondizionata accettazione del Regolamento di cui trattasi e di tutte le norme in esso contenute.
Progettazione e amministrazione del sito a cura di C. M. Leoni. Tutti i marchi e i loghi raffigurati sono di proprietà dei rispettivi Enti o Case. Tutto il resto © 2004-2005-2006-2007-2008-2009-2010-2011-2012-2013 aria.compressa.org. Tutti i commenti e gli interventi sono responsabilità di chi li effettua.
All logos and trademarks in this site are property of their respective owners. All the rest © 2004-2005-2006-2007-2008-2009-2010-2011-2012-2013 aria.compressa.org. The comments are responsibility of their respective posters.
È tassativamente vietato prelevare contenuti da qualsiasi sezione del Portale e pubblicarli in altri spazi web o diffonderli pubblicamente in forma elettronica o cartacea senza il consenso scritto del Webmaster e senza citarne espressamente la fonte.
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.16 Secondi