REALIZZAZIONE DI UN REST ANTERIORE
Data: Friday, 04 December @ 22:00:58 CET
Argomento: Accessori


COSTRUZIONE DI UN SOLIDO REST REGOLABILE PER L'APPOGGIO ANTERIORE DELLA CARABINA

Nel seguito illustro la costruzione di un rest anteriore, solido e stabile, regolabile in altezza. Questo accessorio idealmente completa il tavolo da tiro pieghevole descritto nel mio articolo precedente.

Vedremo passo passo la sequenza delle operazioni necessarie.

MATERIALE IMPIEGATO:
- tubolare 50x20 mm
- tubo diametro 40,2 mm
- tubo diametro 20,1 mm
- piatto 50 x 6 mm
- barra filettata M24
- tre dadi M24
- tondino inox da 6 mm
- una vite a pomello da 6 mm
- un dado M6
- tre tappi gomma 50x20 mm
- un tappo gomma da 6 mm
- un cuscino da bench rest per l'appoggio anteriore, tipo questo:





FASE N. 1
Come prima cosa ho costruito il sistema per la regolazione in altezza del supporto. Vediamo come.

Ho tagliato:
- un pezzo di barra filettata M24 lungo 8,5 cm
- un pezzo di tubo diametro 40,2 mm, lungo 5,5 cm







FASE N. 2
Ho avvitato tre dadi alla barra filettata, stringendo bene dado contro dado; quindi ho tornito due dei tre dadi, portandoli al diametro interno del tubo.









FASE N. 3
Lungo il tubo ho segnato le misure per praticare i fori attraverso i quali salderò i due dadi all'interno: saranno 3 + 3 fori disposti a 120°.







Il dado esterno dovrà risultare a filo del bordo superiore del tubo; i fori (in altezza) devono cadere in corrispondenza del centro dei dadi.



Dopo aver praticato sul tubo i sei fori da 8 mm nelle posizioni individuate, ho allentato i dadi dall'asta filettata togliendone il terzo, ed ho avvicinato tra loro i due dadi torniti senza stringerli (in modo da non bloccare l'asta). Ho inserito l'asta con i dadi nel tubo, in modo che un dado sia a filo del tubo e che la barra filettata rimanga bene al centro. Ho poi saldato i due dadi al tubo attraverso i sei fori, utilizzando una saldatrice a filo.







FASE N. 4
Ho tagliato 2 cm di tubo del diametro di 20,1 mm.
Quindi ho tornito un estremo dell'asta filettata per la stessa altezza, portandola ad un diametro pari a quello interno del tubo.






Ho praticato a 7 mm dal bordo del tubetto un foro da 5 mm che ho filettato M6.
Ho avvitato nel nuovo foro un bulloncio M6 con relativo dado; ho quindi saldato il dado al tubo ed ho tolto il bulloncino rimpiazzandolo con una vite (sempre M6) con testa a pomello.
A causa della saldatura il tutto era diventato duro, così ho ripassato il maschio M6.








FASE N. 5
Per la base ho tagliato tre pezzi di tubolare 50x20 mm: due lunghi 13 cm ed uno 23 cm; quest'ultimo l'ho tagliato a punta con angolazione 60°.




Ho accostato i tre pezzi e li ho saldati, quindi ho smergliato il tutto, ed ecco la base grezza.







FASE N. 6
Al centro della base ho saldato il meccanismo, costruito prima, per la regolazione in altezza.

Ecco il sistema per bloccare il rest alla giusta altezza: ho avvitato due dadi M24 ad un pezzo di barra filettata fissando bene dado contro dado, e con il tornio ho ridotto il primo dado a metà. Tolto il dado così ribassato dalla barra, l'ho fissato e bloccato al meccanismo dell'alzo; ho segnato la posizione in cui praticare il foro per la leva di fissaggio: individuare la posizione più comoda, spostata verso il lato inferiore.
Ho forato il dado con punta da 5 (senza uscire dall'altra parte), poi ho filettato il foro con maschio M6. Quindi ho tagliato un pezzo di tondino inox di 6 mm di diametro lungo 10 cm; l'ho filettato M6 per circa 6 mm e l'ho avvitato nel foro bloccandolo con frena filetti.




Per regolare l'altezza si allenta prima il dado ribassato di fermo girando la leva in senso antiorario, quindi si stringe la vite a pomello in modo che ruotandola si agisca sulla barra filettata.





FASE N. 7
Vediamo l'applicazione dei piedini sui tre bracci della base.
Al centro di ogni braccio, a 20 mm dal bordo, ho praticato un foro da 5 mm che poi allargo a 8,5 m e quindi filetto M10:







Ed infine ho avvitato i tre piedini:






FASE N. 8
Ed ecco la realizzazione del supporto per il cuscino di appoggio.
Ovviamente le misure di questa parte vanno se necessario adattate al cuscino che utilizzerete.

Ho tagliato un pezzo di piatto di ferro 50x6 mm lungo 14 cm, e due pezzi da 2 cm con angolazione sul taglio di 45°, poi li ho uniti e saldati come in figura.








Per fare il taglio a 45° in assenza di attrezzi professionali si puo' bloccare il pezzo in morsa ed usare un "flessibile" (smerigliatrice angolare) con disco da taglio, oppure un seghetto da ferro a mano; anche se il risultato non è proprio perfetto rimedieremo con la saldatura...

Al centro della parte inferiore ho saldato il tubetto che avevo preparato nella fase 4.





FASE N. 9
Ho limato e pulito tutto per bene, ho applicato l'antiruggine e verniciato con bombolette spray, lasciando asciugare bene.







FASE N. 10
Per chiudere i tre fori laterali del tubolare utilizzo tappi in gomma 50x20.



A metà di ciascun tappo ho praticato uno spacco per evitare l'interfenza con la vite del piedino; inoltre ho rifilato opportunamente le alette per rendere possibile l'inserimento.





Ed ecco il nostro rest anteriore finito: qui è "nudo"...




e qui con il cuscino...








L'opera è completa, il rest è pronto per supportare adeguatamente la nostra carabina.
Spero di essere stato di stimolo a chi volesse mettersi alla prova con un lavoro simile.

Articolo di Ivano Trentin (a cura di glfaa)






Questo Articolo proviene da ARIA.COMPRESSA.ORG, IL PRIMO PORTALE ITALIANO SULLE ARMI AD ARIA COMPRESSA
http://aria.compressa.org

L'URL per questa storia è:
http://aria.compressa.org/modules.php?name=News&file=article&sid=105